Una gara da 7 milioni per completare la rete fognaria di Sciacca

Un altro passo in avanti per assicurare una raccolta e depurazione efficiente dei reflui in Sicilia sta per compiersi. Il Commissario Straordinario Unico per la depurazione, Maurizio Giugni, ha infatti indetto una nuova gara in questo ambito. Gara che riguarda il completamento della rete fognaria a servizio di Sciacca per consentire a diverse zone del comune di collegarsi all’impianto di depurazione. Un’opera che porterà benefici ai cittadini, all’ambiente, ma anche più in generale alle casse dello Stato Italiano. Il comune della provincia di Agrigento attualmente sotto procedura d’infrazione comunitaria (2004/2034, con sentenza di condanna per l’Italia C-251/17) proprio per l’assenza di un adeguato sistema di trattamento delle acque reflue urbane.
 

18 chilometri di condotte

Il progetto esecutivo dell’opera prevede la realizzazione di una rete fognaria dell’estensione di 18 chilometri. La rete sarà costituita da condotte in polietilene ad alta densità che verranno posate in aree urbane e costiere residenziali della cittadina. Nello specifico si tratta delle zone:

  • Cappuccini
  • Ferraro
  • Ospedale
  • Terme
  • San Marco
  • Foggia,

In queste aree la rete fognaria al momento è totalmente presente o, se presente, non collegata collettata all’impianto di depurazione.

Il bando di gara, preparato e pubblicato da Invitalia, la Centrale di committenza del Commissario Straordinario Unico, ha un importo a base di asta di 7 milioni di euro, che arrivano in totale a 7,2 milioni con gli oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Il tempo fissato per la realizzazione dell’intervento è di 720 giorni.
 

Potenziato anche il depuratore

Una volta realizzata, la nuova rete permetterà di convogliare tutti i reflui al depuratore di Sciacca, impianto sul quale il Commissario Straordinario ha avviato un altro intervento. Questo prevede la realizzazione di un secondo modulo con tecnologia di ultrafiltrazione a membrana per permettere di raggiungere una capacità di trattamento di 47.500 abitanti equivalenti. Tale gara si è conclusa a metà estate con l’individuazione della ditta esecutrice e a breve partiranno i lavori.
 

Risolvere l’infrazione europea

«Queste opere rappresentano un altro passo in avanti nella strategia della Struttura per assicurare una depurazione efficiente a Sciacca. Una cittadina di grande richiamo culturale e turistico, che ha bisogno di superare una storica difficoltà nel trattamento delle acque reflue – ha commentato il Commissario Maurizio Giugni –. Il 25% del carico non è infatti raccolto né trattato: si comprende quindi l’importanza di un intervento così articolato, per rafforzare la qualità ambientale e insieme superare la multa europea».

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale 
di Servizi a Rete per essere il primo 
a conoscere le attività

 

 


Leggi anche

Rete fognaria ai raggi X per eliminare le acque cosiddette “parassite” e, quindi, migliorare le performance dei depuratori. È questo l’ambizioso progetto che ATS sta avviando nell’area dei 52 comuni del servizio idrico integrato. Si conta di partire già a novembre con la rete fognaria di Carbonera, per estendere poi il risanamento ad altre aree di tutto il territorio. In corso gli studi idraulici e i monitoraggi preventivi….

Leggi tutto…

Sarà un intervento ambizioso, ad alta tecnologia innovativa e in cui l’approccio “green” è prevalente quello che Alto Trevigiano Servizi si accinge ad effettuare nell’impianto di depurazione di Salvatronda a Castelfranco Veneto….

Leggi tutto…

Valore della produzione oltre i 600 milioni di euro, investimenti per 172,8 milioni, la produzione di energia da fonte rinnovabile più che raddoppiata rispetto al 2017 e le emissioni di CO2 ridotte di 3.000 tonnellate. Sono alcuni dati del rapporto sull’attività del gestore idrico pugliese nello scorso anno, che mostra come il miglioramento dei dati economici dell’azienda procede in parallelo agli importanti risultati conseguiti sul fronte della sostenibilità. …

Leggi tutto…

calcestruzzo

Conosciamo tutti le cause del degrado delle strutture idrauliche in calcestruzzo, aspetti di cui occorrerebbe tener conto sin dalla progettazione. Capita infatti, che durante la progettazione di opere, non venga dato sufficiente “peso” all’aspetto ambientale in cui l’opera si inserirà, così come quali lavori dovrà svolgere e a quali condizioni….

Leggi tutto…

Realizzato con un investimento di 39 milioni di euro, l’impianto è stato dotato delle più avanzate tecnologie di trattamento dei reflui, come il sistema di ultrafiltrazione a membrane, che consentono il riutilizzo delle acque in uscita. Perfettamente inserito nel contesto paesaggistico, ha una capacità di trattamento di 90.000 AE, ma è stato progettato per un funzionamento modulare e flessibile, in modo da adeguarsi alla variazione dei carichi legati alla fluttuazione turistica…

Leggi tutto…