Una nuova centrale per il teleriscaldamento di Merano

Partiranno a breve i lavori per la costruzione di una centrale a biomasse a servizio del sistema di teleriscaldamento di Merano. Il nuovo impianto di Alperia, l’utility energetica dell’Alto Adige, sarà costituita da un generatore con una potenza di 8 MW che potrà produrre fino a 27.000 MWh di energia termica ogni anno, una quantità di calore sufficiente a scaldare circa 2500 appartamenti di 100 metri quadrati. Sarà anche dotata di un generatore a metano, che entrerà in funzione nel caso dovessero essere effettuare riparazioni al generatore a biomasse.

Secondo programma, la centrale dovrebbe essere completata ed entrare in funzione per il prossimo anno. Sarà alimentata con biomasse proveniente da boschi coltivati in modo sostenibile, permettendo di risparmiare ogni anno circa 5500 tonnellate di CO2 e offrendo un fondamentale contributo a raggiungere gli obiettivi che il Comune di Merano si è prefissato nella tutela del clima. La centrale, inoltre, sarà dotata di diverse soluzioni tecnologiche all’avanguardia per ridurre al minimo le emissioni di polveri fini e ossidi di azoto.

L’energia termica generata dal nuovo impianto consentirà inoltre di ampliare l’attuale rete di distribuzione del calore e di estendere il servizio di teleriscaldamento a ulteriori porzioni di città. L’attuale rete, costruita a partire dal 2006, si sviluppa oggi per circa 40 chilometri, servendo oltre 5100 nuclei famigliari e 473 aziende ed edifici pubblici. È alimentata da 4 generatori a cogenerazione, uno dei quali situato presso lo stabilimento di Memc, funzionante grazie al recupero del calore impiegato per la produzione di silicio. Secondo le stime dei tecnici, grazie a questa rete, vengono immesse annualmente nell’aria 8800 tonnellate di CO2 in meno rispetto al 2006.


Leggi anche

CogenInfra, attivo nel teleriscaldamento e nei servizi di efficienza energetica, entra nel capitale azionario della società che gestisce il teleriscaldamento a Tirano, Sondalo e Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Un’operazione che permette a Tcvvv di ampliare le sue prospettive industriali, rafforzandosi sul territorio e puntando sull’offerta di nuovi servizi…

Leggi tutto…

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…

Inaugurato e in funzione l’impianto realizzato dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza presso il depuratore San Rocco di Monza. Realizzato con un investimento di 4,6 milioni di euro, è frutto della partnership con Acsm Agam e produce elettricità, interamente utilizzata per alimentare le linee dello stesso depuratore e calore, che viene immesso nella rete di teleriscaldamento cittadina …

Leggi tutto…

Estra Clima, la società di servizi energetici del gruppo Estra, ha acquisito Termas, azienda proprietaria di un impianto di cogenerazione e di una rete di teleriscaldamento nel capoluogo delle Marche. L’impianto ha una potenza termica di 19 MW e il calore generato viene distribuito a diverse utenze pubbliche e private attraverso una rete della lunghezza di 4,5 chilometri …

Leggi tutto…

Annunciato lo scorso ottobre, è diventato realtà lo scambio di infrastrutture tra i due gruppi, funzionale al rafforzamento dei rispettivi core business. Con questa operazione Italgas ha ceduto ad A2A Calore & Servizi il teleriscaldamento di Cologno Monzese (Milano), ottenendo da Unareti le attività di distribuzione gas nei sette comuni piemontesi che fanno parte dell’Atem 4 Alessandria…

Leggi tutto…