Università di Padova: 5 milioni dall’Europa per recuperare energia dalle reti idriche

Le reti idriche non solo come fondamentali infrastrutture per l’approvvigionamento e la distribuzione di acqua, ma anche preziose fonti per la produzione di energia green. È l’idea alla base del progetto H-HOPE – Hidden Hydro Oscillating Power for Europe, con il quale l’Università di Padova si è aggiudicata un finanziamento di 5 milioni di euro nell’ambito del programma comunitario Horizon Europe.

Obiettivo del progetto è sviluppare un’innovativa soluzione tecnologica per recuperare l’energia residua dell’acqua in contesti idrici attualmente non sfruttati, come ad esempio:

  • reti idriche di distribuzione e depurazione dell’acqua
  • canali di scarico
  • correnti sottomarine
  • lagunari.

 

Una soluzione adatta a ogni contesto

La tecnologia che sarà sviluppata sarà a basso costo e declinata in diverse configurazioni capaci di adattarsi ai diversi contesti di applicazione, che vanno dalle condotte in pressione a canali a cielo aperto. Inoltre per favorire il più ampio sfruttamento possibile della soluzione, da parte di utenti privati e pubblici, strumenti di progettazione preliminare e di supporto allo sviluppo verranno resi disponibili tramite la piattaforma “Do-It-Yourself” e liberamente fruibili.

«Grazie a questa tecnologia sarà possibile digitalizzare le reti e i canali artificiali e naturali, aumentandone la resilienza e la sostenibilità – ha commentato la professoressa Giovanna Cavazzini, coordinatrice del progetto -. Tutti aspetti chiave per affrontare il problema sempre più stringente di uno sfruttamento sostenibile delle risorse energetiche ed idriche».

 

I 14 partner del progetto

H-HOPE avrà una durata di 4 anni e ha l’Università di Padova come capofila di un partenariato composto da 14 enti tra università, centri di ricerca e public utility, in modo da unire la ricerca nel settore idroelettrico con le necessità del servizio pubblico nella gestione delle acque.

I partner provengono da 9 paesi diversi e includono alcuni top player del settore. Insieme all’Università di Padova ci sono:

  • Università Politecnica della Catalogna (Spagna)
  • centro ricerche Tubitak (Turchia)
  • Università di Uppsala (Svezia)
  • Edison (Italia)
  • Università di Vienna (Austria)
  • Università di Ljubljana (Slovenia)
  • Vattenfall AB (Svezia)
  • Università di Brno (Repubblica Ceca)
  • Università di Reykjavik (Islanda)
  •  
  • OR Reykjavík Energy (Islanda)
  • Acque Veronesi
  • Amministrazione delle acque e delle fognature di Izmir (Turchia)
  • CJH Multisourcing.

 


Leggi anche

L’EGAS, l’Ente di Governo dell’Ambito della Sardegna, ha dato l’ok a tre progetti redatti dal gestore idrico dell’isola per migliorare le prestazioni delle reti idriche nei comuni di Orosei, Sinicola e Carbonia. Per i primi due l’investimento è di 4 milioni di euro per sostituire in totale circa 4 chilometri di vecchie condotte. Per Carbonia l’obiettivo è la riduzione delle perdite, attraverso il completamento della sostituzione della rete con nuove tubazioni in ghisa …

Leggi tutto…

Portati avanti con un investimento complessivo di 4,1 milioni di euro, i lavori hanno come obiettivo di risolvere l’infrazione comunitaria che grava sulla frazione del comune di San Casciano in Val di Pesa. Concluse le opere di potenziamento del depuratore, la cui capacità di trattamento è stata portata da 1300 a 1950 ae, mentre entro fine anno saranno completate quelle sulla rete fognaria finalizzate a eliminare gli scarichi in ambiente e a estendere il servizio di raccolta dei reflui…

Leggi tutto…

Intelis™ wSource™ incorpora informazioni native, dalla quantificazione delle perdite ai profili di utilizzo, per guidarvi nel processo decisionale quotidiano. Intelis wSource di Itron è un contatore d’acqua a ultrasuoni che offre un livello di precisione ineguagliabile e funzionalità avanzate per aiutarvi a lavorare più velocemente, a proteggere le risorse idriche e a semplificare la fatturazione….

Leggi tutto…

25 km di nuove condotte, il potenziamento degli impianti di depurazione, un investimento di 16 milioni di euro, più altri 35 milioni, in 5 anni, sempre per la depurazione. Sono i numeri del grande progetto del gestore idrico per completare la rete di raccolta e collettamento dei reflui e il loro trattamento nella città della Torre. Una grande opera che permetterà di eliminare gli scarichi in ambiente e di garantire un servizio di alta qualità su tutto il territorio cittadino …

Leggi tutto…

Il progetto di Regione Lombardia CE4WE (Circular Economy For Water and Energy), recentemente concluso, che ha visto coinvolti ENI, A2A e Gruppo CAP, ha portato alla realizzazione di modelli predittivi per il monitoraggio delle acque e dei microinquinanti in esse presenti, oltre a un’innovativa tecnologia che impiega funghi per il biorisanamento delle acque reflue e dei fanghi da depurazione….

Leggi tutto…