Un’opera d’arte per celebrare il teleriscaldamento geotermico

Un’opera d’arte per celebrare la geotermia e i suoi benefici: una riproduzione di una torre di raffreddamento, uno dei simboli delle coltivazioni geotermiche, in scala 1:200 realizzata in acciaio. Accade a Larderello, frazione di Pomarance, nella provincia di Pisa, comune che si trova sulle Colline Metallifere. Dall’inizio del secolo scorso il calore della Terra è sfruttato per la produzione di energia elettrica e più di recente anche per fornire calore alle abitazioni dell’area.

A donarla al Museo della geotermia l’artista Ennio Zucchelli, originario di Riva del Garda, ma da oltre trent’anni residente con la famiglia in un podere nelle campagne del comune di Monterotondo Marittimo (Grosseto). Da diversi anni l’artista si dedica alla realizzazione di sculture in metallo, utilizzando materiali di recupero ai quali spesso abbina altri materiali quali legno o pietra.

L’opera, esposta nella sala “plastici” di Enel Green Power, è un omaggio al rapporto tra tecnologia e natura, tra la forza della tecnica e l’ingegno dell’uomo, come se la torre fosse un prolungamento del percorso che il vapore compie nel sottosuolo per collegare terra e cielo.

«Un dono di un utente della geotermia come segno di ringraziamento per l’ottimo servizio ricevuto in tanti anni», ha definito Zucchelli la sua opera, visto che anche presso il podere dove vive beneficia, come gli abitanti dei comuni geotermici teleriscaldati, del vapore geotermico come fonte di riscaldamento. Un importante uso diretto della geotermia in grado di portare un valore aggiunto in termini di benessere alle comunità locali come all’ambiente.

Attualmente in Toscana, oltre che a Monterotondo Marittimo (GR), sono già presenti reti di teleriscaldamento geotermico nei comuni di Montieri, sempre in provincia di Grosseto, di Castelnuovo Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, Pomarance, in provincia di Pisa, e Radicondoli, in provincia di Siena. Altre reti di teleriscaldamento alimentate da fonte geotermica sono però in via di realizzazione anche a Chiusdino e Piancastagnaio, sempre in provincia di Siena.

Una tecnologia che si fa apprezzare dai cittadini sia per i grandi risparmi economici sia per i non meno rilevanti benefici ambientali.


Leggi anche

Progettato da E.S.Co. BIM e Comuni del Chiese, la società energetica dei comuni del bacino del Chiese, il sistema è stato realizzato con un investimento di 4,9 milioni di euro. È costituito da una centrale alimentata con biomassa proveniente dai boschi che circondano il comune della provincia di Trento e da una doppia rete che si estende in totale per 5,3 chilometri…

Leggi tutto…

Inaugurato e in funzione l’impianto realizzato dal gestore idrico della provincia di Monza e Brianza presso il depuratore San Rocco di Monza. Realizzato con un investimento di 4,6 milioni di euro, è frutto della partnership con Acsm Agam e produce elettricità, interamente utilizzata per alimentare le linee dello stesso depuratore e calore, che viene immesso nella rete di teleriscaldamento cittadina …

Leggi tutto…

Estra Clima, la società di servizi energetici del gruppo Estra, ha acquisito Termas, azienda proprietaria di un impianto di cogenerazione e di una rete di teleriscaldamento nel capoluogo delle Marche. L’impianto ha una potenza termica di 19 MW e il calore generato viene distribuito a diverse utenze pubbliche e private attraverso una rete della lunghezza di 4,5 chilometri …

Leggi tutto…

Annunciato lo scorso ottobre, è diventato realtà lo scambio di infrastrutture tra i due gruppi, funzionale al rafforzamento dei rispettivi core business. Con questa operazione Italgas ha ceduto ad A2A Calore & Servizi il teleriscaldamento di Cologno Monzese (Milano), ottenendo da Unareti le attività di distribuzione gas nei sette comuni piemontesi che fanno parte dell’Atem 4 Alessandria…

Leggi tutto…

Approvato dal Consiglio di amministrazione, il documento al 2023 destina la maggior parte delle risorse, circa 1,9 miliardi, all’estensione, ammodernamento ed evoluzione tecnologica delle reti, con una quota significativa stanziata per il rinnovo dei misuratori. A fine quinquennio previsto un margine operativo lordo di 1,25 miliardi, in aumento di 219 milioni rispetto al 2018…

Leggi tutto…