Verso la Sostenibilità

Dal magazine edizione novembre/dicembre

Arianna Arizzi, Marketing e CSR Maddalena S.p.A.

Pensare in ottica di CSR – Corporate Social Responsibility – integrando le quattro dimensioni, sociale, economica, ambientale e di Governance nel piano di sviluppo aziendale è un lavoro ambizioso che, come ogni grande impegno, necessita di perseveranza, condivisione e trasparenza.

Questa è la sfida abbracciata da Maddalena, una delle più importanti realtà internazionali nel settore degli strumenti di misura dell’acqua, con oltre 100 anni di storia alle spalle e più di 3 milioni di contatori prodotti ogni anno per soddisfare le esigenze del mondo utility e sub-metering.
 

In uno scenario globale dove l’acqua è, e sarà sempre più, una risorsa scarsa e preziosa, è indispensabile che tutti gli attori della filiera estesa adottino una visione strategica di insieme per accelerare la transizione verso modelli di gestione e consumo più sostenibili.

Ed è proprio in quest’ottica che Maddalenamembro attivo della Community Valore Acqua per l’Italia di The European House Ambrosetti – lavora sul concetto di efficienza della misura orientato al risparmio dell’acqua offrendo il suo contributo per il raggiungimento dell’Obiettivo 6 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile – Acqua pulita e servizi igienico sanitari – al quale ha legato anche la propria vision: rendere la misura dell’acqua la base imprescindibile per l’efficienza idrica del mondo.

A seguito di un’attenta analisi delle numerose azioni di sostenibilità messe in atto a favore degli stakeholder aziendali, ma non comunicate ancora secondo questa chiave di lettura, è parsa evidente la necessità di comprenderne il valore in termini strategici.
 

Il passaggio da una cosiddetta Sostenibilitàinconsapevole” ad una vera e propria strategia di Sostenibilità è avvenuto in Maddalena in poco più di un anno durante il quale la pandemia ha rappresentato la cartina al tornasole per poter identificare in modo chiaro questa forte spinta.  

Attraverso le Linee guida Internazionali della ISO 26000 e la rispondenza a ben 12 su 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite si è proceduto ad una mappatura concreta delle azioni di sostenibilità intraprese dall’azienda, grazie alla collaborazione con Animaimpresa ed al pieno coinvolgimento del CSR Manager presente in organigramma aziendale.

 

La crescente rilevanza globale dei temi di sostenibilità ha reso necessari, in quest’ultimo anno più che mai, strumenti in grado di misurare le performance delle imprese. È all’ordine del giorno parlare di ESG Rating che esprimono un giudizio sintetico che certifica appunto la solidità di un’azienda dal punto di vista del suo impegno in ambito ambientale (environment), sociale e di governance.

Proprio affrontando questo tipo di analisi, Maddalena ha ottenuto nel 2021 il Silver Sustainability Rating di Ecovadis e contemporaneamente è stata inserita su Forbes nella classifica delle 100 eccellenze italiane sostenibili entrando così nell’esclusiva community Sustainability Award composta da quelle aziende che si sono contraddistinte nell’affrontare le sfide dell’emergenza, trasformandole in un’occasione per esprimere innovazione ed attivare le energie migliori nel paese.

La sostenibilità per l’azienda – testimoniata anche dalla recente certificazione etica SA8000, che si unisce al Sistema di Gestione Integrato ISO 9001 – 14001 – 27001 e 45001 – è diventata ormai un asset imprescindibile su cui concentrarsi.

Asset che va di pari passo con il digitale e l’IoT, e che certamente non va considerato come costo ma come un investimento, anche in virtù del fatto che oggi si parla di “costo dell’insostenibilità” per le imprese che vogliono distinguersi sul mercato in questo periodo di forte transizione orientata verso una ripartenza sostenibile e tecnologica.

 


 


Leggi anche

rifiuti

Il ciclo di webinar progettato da Utiliteam approfondirà i temi più caldi nelle agende dei settori idrico e rifiuti. Con la convinzione che la compliance alla regolazione sia un’occasione da cogliere dalle aziende soggette alla potestà ARERA, gli interventi che si susseguiranno offriranno punti di attenzione sulla visione di business e sulla strategia delle società operanti nel comparto ambiente….

Leggi tutto…

Le installazioni di sensori e dispositivi intelligenti si stanno sviluppando all’interno di moltissimi impianti: sono gli elementi costitutivi di base di qualsiasi iniziativa di Industrial Internet of Things (IIoT). L’applicazione IoT in ambito industriale può essere un modo utile per monitorare le apparecchiature di processo e i macchinari preservando salute e sicurezza non solo dei sistemi, ma anche delle persone e dell’ambiente circostante…

Leggi tutto…

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sosterrà il piano industriale 2022-2025 del Gruppo CAP, che prevede interventi per circa €450 milioni in 5 anni. Il finanziamento, che si inserisce nelle politiche ambientali e nel Green New Deal della Regione Lombardia, contribuirà al miglioramento della copertura, della qualità e della resilienza dei servizi idrici del territorio servito da Gruppo CAP. …

Leggi tutto…

Il gestore idrico di 55 comuni toscano ha concluso l’importante intervento che ha permesso di rinnovare una porzione di rete idrica e mettere in sicurezza l’acquedotto mediceo. Un’opera, che ha visto la posa di 7 chilometri di condotte per una spesa di 2 milioni di euro, progettata a tempo di record con Ingegnerie Toscane per risolvere le criticità legate alle frequenti rotture provocate dalle vecchie condotte ormai giunte a fine vita…

Leggi tutto…

Lario Reti Holding ha ottenuto l’autorizzazione al riutilizzo delle acque trattate dai depuratori di Bellano e Olginate che saranno utilizzate da Silea per il lavaggio delle strade. Un progetto virtuoso nato dalla collaborazione delle due società che gestiscono, rispettivamente, il ciclo idrico e quello dei rifiuti nei comuni della provincia di Lecco, che permetterà di evitare l’utilizzo e, quindi, lo spreco di acqua potabile…

Leggi tutto…