Vi Energia potenzia il teleriscaldamento di Asiago

La rete di teleriscaldamento a servizio del comune di Asiago, in provincia di Vicenza, è destinata a crescere ancora. Vi Energia, la società che gestisce l’infrastruttura, ha infatti presentato il progetto esecutivo per il suo potenziamento, in modo da portare il servizio nelle aree ancora non raggiunte. Progetto che prevede un’estensione della rete di ulteriori 6 chilometri, concentrati soprattutto nella zona Nord della cittadina, che sarà completato entro 5 anni. Una lunghezza pari a quasi la metà dell’infrastruttura esistente e che consentirà di allacciare alla rete altre 500 utenze residenziali.
 

La rete esistente

Asiago è infatti al momento servita da una rete che si estende per 13,5 chilometri, realizzata, insieme alla centrale che la alimenta, tra il 2008 e il 2010 dalla Provincia di Vicenza, che fin da subito ne ha affidato a Vi Energia la gestione. Alla rete sono ora allacciati tutti gli edifici pubblici, l’ospedale e circa 120 utenze private.
 

Un’infrastruttura green

Ma il teleriscaldamento di Asiago si caratterizza per essere un sistema totalmente green. A fornire il calore è infatti una centrale a biomassa (cippato di legno) situata in località Turcio e costituita da due generatori:

  • il primo è a olio diatermico, ha una potenza di 6.800 kW e produce sia energia elettrica sia energia termica
  • il secondo, invece è ad acqua, ha una potenza di 3.500 kW e genera esclusivamente energia termica

A supporto dei due impianti ve ne è un terzo, che viene utilizzato in caso di emergenza per la sola produzione di energia termica.
 

Rendere il ciclo ancora più virtuoso

Gli investimenti per la realizzazione della rete esistente e della centrale sono stati pari a 10 milioni di euro e quelli per la sua estensione ammontano a 9 milioni. I lavori prenderanno il via a breve e sono stati suddivisi in 24 stralci.

Ma non solo. Perché per rendere il sistema ancora più virtuoso, Comune e Vi Energia hanno messo in campo ulteriori progetti. L’idea è di coinvolgere le imprese del territorio operanti nel legno per rendere ancora più efficiente l’utilizzo degli scarti di legname del bosco, specie dopo la tempesta Vaia. Inoltre, si punta anche a incentivare i piccoli imprenditori a dotarsi di maggiore meccanizzazione, in modo da fornire la centrale attraverso imprese locali.

 

Iscriviti ora alla newsletter bimestrale
di Servizi a Rete per essere il primo a conoscere le attività

 


Leggi anche

La Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ha erogato un prestito da 80 milioni di euro a sostegno dello sviluppo dell’infrastruttura di distribuzione del calore nell’area metropolitana di Torino. Le risorse coprono il 40% degli investimenti previsti dalla multiutility per estendere la rete, rinnovarne le parti più datate, realizzare nuovi sistemi di accumulo e incrementare di 13 milioni di metri cubi le volumetrie teleriscaldate…

Leggi tutto…

Realizzato nel quartiere Mirafiori Nord, il sistema è composto da 3 serbatoi dell’altezza di 25 metri in grado di contenere complessivamente 2500 metri cubi di acqua e da una stazione di pompaggio. Realizzato con un investimento di 46 milioni di euro, l’impianto è integrato con un sistema solare termico, che fornisce parte del calore per tenere l’acqua in temperatura, e un impianto fotovoltaico per l’alimentazione elettrica del sito …

Leggi tutto…

Concluso il primo lotto che ha dotato il borgo dell’Amiata Senese dell’infrastruttura di distribuzione del calore. Un sistema green, gestito da GES, alimentato dal cascame di calore delle centrali geotermoelettriche di Enel Green Power, che si aggiunge ai tre già esistenti nel territorio comunale che servivano però aree periferiche produttive e altre attività economiche. Già partiti i lavori per il secondo lotto che porterà il servizio a tutti i cittadini …

Leggi tutto…

Il fondo infrastrutturale ha rilevato il 45% della società del gruppo Gruppo Fratelli Visconti, attivo nella realizzazione e gestione del teleriscaldamento per comuni di medie dimensioni. L’azienda è proprietaria di cinque sistemi situati in Piemonte e Lombardia e, grazie alla partnership con Whitehelm, ora punta a consolidarsi sul mercato ampliando il suo raggio d’azione ad altre regioni…

Leggi tutto…

Fondamentale momento di confronto e di ascolto con gli stakeholder, le consultazioni permetteranno a tutti gli interessati di esprimere le proprie osservazioni sul documento che orienterà l’azione dell’Autorità nei prossimi 4 anni. Tutela ed empowerment del consumatore, transizione energetica giusta e digitalizzazione i temi al centro del nuovo Quadro …

Leggi tutto…