Viveracqua: emesso il nuovo Hydrobond da 148,5 milioni

Si è conclusa con successo la nuova operazione di finanza green di Viveracqua, il consorzio che raggruppa 12 gestori idrici pubblici del Veneto. Il consorzio ha lanciato una nuova emissione a lungo periodo, Viveracqua Hydrobond 2022, del valore di 148,5 milioni di euro. Risorse che vanno a finanziare i piani di investimento di 6 società del consorzio:

Queste servono in totale oltre 290 comuni e più di 2,3 milioni di abitanti, grazie a una rete acquedottistica che supera i 22.000 chilometri.
 

Investimenti per 350 milioni

In particolare, il nuovo finanziamento va a sostenere interventi di miglioramento di reti fognarie e impianti di depurazione, programmati dalle sei società, che nel complesso metteranno in campo investimenti per circa 350 milioni di euro nei prossimi quattro. Investimenti che puntano ad ammodernare ed efficientare le infrastrutture idriche, in linea con gli obiettivi di una gestione sostenibile dell’acqua.
 

Il quarto finanziamento green

Viveracqua Hydrobond 2022 è la quarta operazione di finanziamento, promossa dal consorzio veneto, e coordinata da Banca Finint, a sostegno dei piani di investimento delle società consorziate. L’emissione è stata realizzata attraverso il ricorso diretto al mercato dei capitali, dopo le positive esperienze del:

  • 2014 per 150 milioni di euro, che si sono tradotti in oltre 341 milioni di investimenti realizzati
  • 2016 per 77 milioni di euro, con cantieri per più di 197 milioni
  • 2020 con Viveracqua Hydrobond 2020, da 248 milioni di euro, con investimenti pianificati per 700 milioni

A questa nuova operazione hanno aderito Banca Europea per gli Investimenti (BEI), Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Kommunalkredit Austria.
 

Il commento di Monica Manto, Presidente del Consorzio Viveracqua

«Il rinnovamento delle infrastrutture idriche è strategico per lo sviluppo dei nostri territori e per il conseguimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 che riguardano l’uso sostenibile dell’acqua.  Il supporto fornito da chi sceglie di investire nelle nostre obbligazioni è essenziale per raggiungere nei prossimi anni importanti traguardi ambientali.

La consolidata sinergia tra i gestori del servizio idrico del Veneto, che si esprime nella società consortile Viveracqua, ha rappresentato ancora una volta un’importante credenziale per accedere a modalità di finanziamento vantaggiose. Grazie a questa nuova emissione di obbligazioni prenderanno il via importanti opere di miglioramento di fognature e depuratori nel Veneto e in parte del Friuli-Venezia Giulia».

 


Leggi anche

Il gestore idrico lucano, dopo aver concluso all’inizio dell’anno l’ammodernamento dell’impianto Pantano, ha dato il via al potenziamento del secondo impianto a servizio della città dei Sassi, che sorge in località Sarra. Il depuratore sarà dotato di impianto a ossidazione biologica e sarà adeguata sia la linea acque sia quella fanghi e la sua capacità portata a 27.500 abitanti. L’investimento per le opere è di 2,5 milioni di euro…

Leggi tutto…

L’intervento di abbattimento è l’atto simbolico che dà il via alla transizione ecologica del vecchio impianto, che verrà sostituito da quello totalmente carbon neutral e di nuova concezione che entrerà in funzione nella primavera del 2023. L’intera operazione è stata realizzata da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e da ZEROC, la nuova società che gestirà le attività della Biopiattaforma…

Leggi tutto…

Il progetto prevede interventi sia di estensione della rete fognaria sia di potenziamento del depuratore, per una spesa complessiva di 15 milioni di euro. Nel primo caso, verranno posati oltre 10 chilometri di nuove condotte in diverse aree della cittadina e saranno eliminati 11 scarichi diretti in ambiente. L’impianto di depurazione sarà ammodernato e potenziato, portandone la capacità di trattamento a 33.000 abitanti dagli attuali 25.000…

Leggi tutto…

Il gestore idrico ha messo a punto un programma di opere per abbattere le emissioni odorigene e migliorare l’efficienza dell’impianto nel comune costiero di Pietrasanta, in provincia di Lucca. Il progetto, del valore di 1,5 milioni di euro, prevede interventi che, oltre a risolvere, il problema incrementeranno la performance depurativa e consentiranno anche un importante risparmio energetico….

Leggi tutto…

Rete fognaria ai raggi X per eliminare le acque cosiddette “parassite” e, quindi, migliorare le performance dei depuratori. È questo l’ambizioso progetto che ATS sta avviando nell’area dei 52 comuni del servizio idrico integrato. Si conta di partire già a novembre con la rete fognaria di Carbonera, per estendere poi il risanamento ad altre aree di tutto il territorio. In corso gli studi idraulici e i monitoraggi preventivi….

Leggi tutto…