calcestruzzo

Webinar | Fermare il degrado ed estendere il ciclo di vita degli impianti in calcestruzzo


Il calcestruzzo è oggi il materiale da costruzione più utilizzato al mondo. Pur essendo considerato un materiale resistente e durevole, si è constatato che per varie cause può comunque subire importanti deterioramenti nel tempo. Come preservarlo dunque dagli agenti esterni come atmosfera, suolo e acqua?

Partecipa al webinar per approfondire questi temi
‘Fermare il degrado ed estendere il ciclo di vita degli impianti in calcestruzzo’
Giovedì 18 febbraio, ore 11:00– 12:00
Clicca qui per riservare il tuo posto

 

È infatti l’acqua la principale causa di degrado che, penetrando attraverso pori e microfratture, trasporta all’interno del calcestruzzo gli agenti contaminanti causandone il progressivo deterioramento.

Per ottenere un calcestruzzo veramente durevole, occorre renderlo completamente impermeabile e il sistema più efficace per ottenere tale risultato è l’utilizzo di prodotti cristallizzanti. Sono poi alla base dell’ottenimento di un calcestruzzo durevole anche: la progettazione, le prove di laboratorio necessarie per testarlo, la verifica della corretta posa e maturazione.
 

Con un particolare focus su impianti di depurazione, impianti di acqua potabile e vasche di raccolta acque di prima pioggia, analizzeremo come viene danneggiato il calcestruzzo dai vari tipi di aggressioni e di quanto si riduce la sua vita utile a causa di:
  • Formazione di acidi
  • Abrasione
  • Reazioni elettrochimiche
  • Attacchi batteriologici
  • Vibrazioni
  • Carenze progettuali o realizzative

 
Come risolvere il problema? È semplice: SIGILLANDO i pori attraverso l’utilizzo di prodotti cristallizzanti che impermeabilizzano non soltanto la superficie ma l’intera massa del calcestruzzo proteggendolo nel tempo dalle aggressioni chimiche provenienti da ogni direzione e rendendolo auto-cicatrizzante.

I cristallizzanti infatti, reagendo con la calce libera, silicati ed alluminati presenti sulle pareti dei pori, formano al loro interno cristalli aghiformi che li sigillano, impedendo alla molecola dell’acqua di passare. Questa azione si ripete più volte nel tempo in caso di venute d’acqua rendendo dunque la struttura in calcestruzzo DUREVOLE perché gli aggressivi chimici non possono penetrarvi.

Alla luce di queste necessità, si introduce Supershield Italia che offre i prodotti cristallizzanti a base acquosa, ecologici, a zero contenuto di VOC ed interamente riciclabili a fine ciclo di vita della struttura.
 

Illustreremo i seguenti prodotti:
  • ADMIXPLUS, è un cristallizzante liquido a base acquosa compatibile con tutti i tipi di cemento. Certificato secondo la norma EN 934-2, riduce la penetrazione dell’acqua alla prova UNI EN 12390-8 di circa il 50% dopo soli 3 giorni e del 90/100% dopo 28 permettendo l’autosigillazione di fessure fino a 0,4/0,5 mm.
  • MULTISEAL, prodotto cristallizzante multifunzione a base acquosa, da vaporizzare in una sola passata, penetra in profondità e rialcalinizza il calcestruzzo ripristinando il pH a valori basici che arrestano la corrosione e per cristallizzazione ne impermeabilizza la massa. MULTISEAL crea nella parte corticale una barriera resistentissima alle aggressioni chimiche, al gelo/disgelo e rende repellente la superficie evitando l’adesione dei fanghi e la formazione di vegetazione.

Entrambi i prodotti sono certificati per contatto con l’acqua potabile, a zero contenuto di VOC e totalmente riciclabili a fine ciclo di vita dell’impianto.
 

E sistemi:
  • Sistema SUPERSHIELD DRYBOX, per gli impianti di nuova costruzione, è un’evoluzione del sistema “vasca bianca” che al vantaggio del self healing del cristallizzante ADMIXPLUS abbina il trattamento completo dei giunti rigidi e di dilatazione, dei distanziatori di cassero e dei tubi passanti, fornendo una impermeabilizzazione estremamente duratura, garantita anche da una polizza postuma decennale
  • Sistema CRACK-REPAIR, per gli impianti esistenti, consente la riparazione definitiva di crepe, fessure e nidi di ghiaia nel calcestruzzo dall’esterno delle vasche, evitando l’interruzione del servizio. Combina l’utilizzo di resine idroreattive con l’applicazione delle malte cristallizzanti bloccando anche forti fuoriuscite d’acqua. I prodotti utilizzati dal sistema sono tutti certificati per il contatto con l’acqua potabile.

 

In questo webinar parleremo di:
  • Le principali cause di aggressione chimica negli impianti di depurazione
  • Progettare un calcestruzzo durevole, come eseguirne la verifica e attraverso quali prove
  • L’impermeabilizzazione di nuove strutture con additivi cristallizzanti, il loro funzionamento, le caratteristiche e la relativa garanzia di tenuta e durabilità
  • Riparare con i cristallizzanti le vasche dall’esterno – laddove sono presenti crepe o fessure – mantenendo il servizio in funzione grazie al sistema crack-repair
  • Casi applicativi realizzati in Italia

 

Partecipa al webinar ‘Fermare il degrado ed estendere il ciclo di vita degli impianti in calcestruzzo’
Clicca qui per riservare il tuo posto
 
QUANDO: Giovedì 18 febbraio, ore 11:00- 12:00

 

Ne parleremo con Guido Cometto, Amministratore di Supershield Italia dal 2012. Laureato presso l’Università degli Studi di Torino nella facoltà di Farmacia, ha poi conseguito un Master in Business Administration (MBA) presso il NIMBAS di Bradford (Inghilterra) nel 1975, ed ha svolto la sua attività come Ammistratore Delegato di società nel settore finanziario, del real estate e delle costruzioni.

E con Lorenzo Ferrandini, ingegnere libero professionista, laureato nel 2000 presso l’Università degli Studi di Pavia in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e successivamente frequentato presso il Politecnico di Milano il corso post-laurea in “Management, economia e diritto delle reti”. Vanta un’esperienza ventennale nel campo dei servizi pubblici con particolare focus su progettazione e conduzione di impianti e reti del SII.

Con noi anche Andrea Terminio, dal 2011 direttore Direttore del laboratorio “Swiss Beton Technology SA”, a partire dal 1988 ha seguito una formazione teorico/pratica nel campo della tecnologia del calcestruzzo in Canton Ticino presso il laboratorio del Dott. Martinola. Con all’attivo oltre 32 anni nella progettazione di mix, verifiche per i risanamenti e consulenze su tutte le tipologie di calcestruzzi, ha operato anche in diversi paesi esteri.
 


Leggi anche

Imponente il volume di risorse previsto dal nuovo piano di investimenti 2020-2023 del gestore idrico pugliese per rendere più efficiente e sostenibile il servizio e proseguire il percorso di crescita della società. Quasi la metà della spesa è destinata al potenziamento e adeguamento degli impianti di depurazione, saranno oltre 100 quelli sui quali si interverrà, ma un’altra fetta rilevante andrà alla sostituzione delle reti per ridurre le perdite….

Leggi tutto…

I lavori, realizzati con 4,5 milioni di euro messi a disposizione da Regione Basilicata, hanno permesso di portare la capacità di trattamento da 28.000 a 34.000 abitanti equivalenti, adeguando l’impianto, che sorge in località Pantano, alle attuali normative. Si tratta infatti del primo dei tre interventi previsti sui depuratori necessari per fare uscire la città dalla procedura di infrazione comunitaria. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e che scadono il 17 gennaio 2031, hanno fatto registrare una domanda pari a oltre il doppio dell’offerta. Le risorse ottenute con la nuova operazione di finanza sostenibile andranno a sostenere i progetti di sostenibilità previsti dal Piano Industriale al 2025, andando a focalizzarsi sullo sviluppo del teleriscaldamento, il recupero della plastica e il miglioramento della depurazione….

Leggi tutto…

Dureranno circa un anno i lavori per l’ammodernamento dell’impianto a servizio della cittadina termale in provincia di Pisa. Un intervento, del valore di 1,7 milioni di euro, con il quale il gestore idrico del Basso Valdarno punta a risolvere una serie di criticità dell’impianto, legate alle acque di tipo di misto che vi arrivano, oltre che all’obsolescenza e all’ammaloramento dei due grandi serbatoi che lo costituiscono….

Leggi tutto…