Webinar | Gestione della pressione idrica e sostenibilità

Partecipa al webinar per approfondire questi temi
‘Gestione della pressione idrica e sostenibilità’
Giovedì 6 maggio, ore 11:00– 12:00
Clicca qui per riservare il tuo posto

 
Quella delle perdite idriche è oggi una delle principali e più ostiche battaglie che i gestori idrici si trovano a fronteggiare. Il documento “ARERA: I NUMERI DEI SERVIZI PUBBLICI” segnala che, secondo gli ultimi dati tecnici disponibili e rilevati nel 2016, la media di perdite idriche totali su territorio nazionale si attesta attorno al 43,7%. Questo dato è particolarmente indicativo, poiché è la lampante dimostrazione di quanto l’acqua – bene prezioso da tutelare e utilizzare con estrema parsimonia – venga invece sprecata per quasi la metà della totalità immessa in rete.

Per combattere tale problematica, ARERA ha definito con la delibera 917/2017/R/IDR una normativa per migliorare la qualità tecnica del servizio idrico basandosi su sei macro-indicatori. Quello dedicato alla riduzione delle perdite idriche è proprio il macro-indicatore M1.

L’obiettivo della riduzione delle perdite idriche non coinvolge soltanto il gestore nel processo di adeguamento alle delibere e di miglioramento dei propri asset, ma anche il cittadino poiché, il costo della risorsa idrica persa e della non-revenue water, pesa e ricade inevitabilmente anche sull’utente finale.

Le perdite idriche si distinguono in: perdite totali (volumi immessi meno volumi erogati), perdite apparenti (volumi sottratti senza autorizzazione, ad esempio allacciamenti abusivi, e volumi erogati ma non misurati a causa dell’imprecisione o del malfunzionamento dei contatori) e perdite reali (differenza tra le perdite totali e quelle apparenti).

Tra le principali cause delle perdite idriche troviamo: la corrosione delle condotte, le giunzioni difettose e il deterioramento o la rottura delle tubazioni.
 

Come è possibile quindi gestire le perdite idriche? Alcune delle soluzioni sono:
  • una ricerca perdite attiva
  • il rinnovo delle reti idriche
  • velocità e qualità delle riparazioni
  • gestione della pressione

Per risolvere le esigenze dei gestori, è necessario adottare un controllo attivo che si traduce in una verifica continua delle portate controllandone la pressione grazie all’uso di valvole di regolazione. Riducendo la pressione, vengono contestualmente ridotte le perdite ottenendo così: conservazione dell’acqua, riduzione dei costi e ottimizzazione, rinnovamento e prolungamento della vita della condotta.
 

Come ridurre le perdite riducendo la pressione di rete?

Una rete acquedottistica è dimensionata e progettata per garantire un valore minimo di pressione nelle 24 ore. La pressione minima viene raggiunta in relazione al consumo massimo, se il consumo cala la pressione aumenta, come ad esempio nelle ore notturne. 

La rete acquedottistica viene sottoposta a pressione superiore al minimo di progettazione per un tempo maggiore rispetto al tempo in cui l’acqua viene distribuita a pressione minima. Ne deriva quindi che le condotte per la maggior parte del tempo subiscono una pressione superiore al limite minimo progettuale. Riducendo la pressione di conseguenza preveniamo danni alle condotte riducendo le perdite in relazione ai materiali della condotta, delle portate e delle caratteristiche della rete.

In questo contesto si introduce come soluzione la nuova valvola di regolazione NeoFlow di Georg Fischer. La valvola è realizzata in polimero con una tecnologia di regolazione all’avanguardia. NeoFlow, progettata e brevettata da un team di ingegneri, rende più semplice l’approccio alla regolazione della pressione, meno costosa la gestione degli asset, meno impatto sulla cavitazione e estrema affidabilità nella stabilizzazione della pressione.

La valvola NeoFlow ha il pilota integrato per ottimizzare la regolazione della pressione e un dispositivo opzionale per il monitoraggio della portata e qualità dell’acqua. Inoltre, ha basse esigenze di manutenzione grazie al design molto semplice, con pochi componenti e senza diaframma in elastomero. Inoltre la maggiore precisione del flusso, consente anche la regolazione a basse pressioni.
 

In questo webinar parleremo di:
  • Il gestore, le perdite idriche e la non-revenue water: stato dell’arte, problematiche, regolamentazione macro-indicatore M1
  • Principali cause di perdite idriche in un impianto e come minimizzarle con una ricerca attiva, velocità e qualità delle riparazioni, rinnovo reti, gestione delle pressioni
  • Gestione delle pressioni: riducendo le pressioni contestualmente vanno a diminuire le perdite idriche
  • La soluzione per la gestione delle pressioni NeoFlow PRV: precisione anche per basse portate, regolazione anche con delta di pressione elevati, possibili installazioni in verticale, pesi e ingombri contenuti
  • Casi applicativi realizzati in Italia e all’estero

 

Partecipa al webinar ‘Gestione della pressione idrica e sostenibilità’
Clicca qui per riservare il tuo posto
 
QUANDO: Giovedì 6 maggio, ore 11:00- 12:00

 

Con Marco Alberti, Sales Manager di GF Piping Systems, con decennale esperienza nell’ambito delle Utility sia a livello tecnico che pratico. Grazie a questo, infatti, è in grado di fornire una consulenza a tutto tondo nella progettazione delle reti di distribuzione dell’acqua e del gas: analizzando gli eventuali problemi e individuando la soluzione migliore in base alle necessità. Il suo background lo rende in GF esperto per l’Italia nel campo delle Utility e delle municipalizzate.


Leggi anche

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

Il piano messo a punto per il rilancio dell’Italia presentato da Utilitalia nel corso di un’audizione alla Camera contribuirebbe ad un incremento dell’1,48% del PIL e alla creazione di 285.000 nuovi posti di lavoro. La quota maggiore degli investimenti andrebbe al ciclo idrico, con progetti per 14 miliardi, seguito da quello energetico, circa 7 miliardi, e da quello ambientale, con circa 4 miliardi….

Leggi tutto…

Oggi, i fenomeni geologici naturali (subsidenza) o fenomeni indotti dall’attività antropica causano cedimenti strutturali che provocano ingenti danni, interruzione dei servizi di pubblica utilità. Le Utilities, infatti, spendono gran parte del loro budget alla ricerca di soluzioni per prevenire le conseguenze derivanti da tali situazioni. Attraverso i sistemi di monitoraggio satellitare è possibile adottare una manutenzione di tipo predittivo, per supportare le operazioni quotidiane di manutenzione sulle fognature e sulle condotte sotterranee rilevando le condotte a maggiore rischio….

Leggi tutto…

La ricerca delle perdite idriche, la loro conoscenza e la riduzione delle stesse è uno dei principali obiettivi di un gestore del servizio idrico. Un elemento fondamentale è il monitoraggio delle reti nelle sue varie componenti. Oggi sono molto diffusi i contatori elettronici che tengono sotto controllo i consumi dell’utente, ci sono sistemi per il monitoraggio dei distretti, delle adduzioni e per fare il bilancio idrico di una determinata area. …

Leggi tutto…

È quanto prevede il piano di investimenti 2020-2023, approvato alla fine dello scorso anno dall’Assemblea dei Soci del gestore del ciclo idrico della provincia di Cremona. Gli investimenti riguarderanno tutte le aree del sistema idrico in tutto il territorio provinciale: il 28% verrà utilizzato per la depurazione, il 32% nell’acquedotto, il 33% nella fognatura e il 7% in investimenti generali. …

Leggi tutto…