calcestruzzo

Webinar | Manutenzione e ripristino opere idrauliche in calcestruzzo: criticità, cause di degrado e sistemi di riparazione

Partecipa al webinar per approfondire questi temi
‘Manutenzione e ripristino opere idrauliche in calcestruzzo: criticità, cause di degrado e sistemi di riparazione’
Giovedì 10 giugno, ore 11:00– 12:00
Clicca qui per riservare il tuo posto

 

Nel corso della propria vita funzionale, è inevitabile che gli impianti di potabilizzazione e depurazione acque reflue vadano incontro ad un progressivo degrado, di cui le cause principali e più frequenti sono: fenomeni di abrasione o stress meccanico, presenza di processi biologici, ambienti particolarmente aggressivi, vetustà e carenze manutentive e problematiche progettuali o realizzative.
 

Talvolta il processo di deterioramento viene accentuato da criticità progettuali o realizzative. Nello specifico:
  • Mix design del calcestruzzo o fasi di getto
  • Frequenti riempimenti, svuotamenti o movimenti differenziali
  • Assestamenti delle strutture causati dai movimenti dei terreni
  • Modifiche di strutture in tempi successivi
  • Aggressività dei liquidi a contatto

 

Ne deriva dunque che è di fondamentale importanza porre grande attenzione sin dalla fase di progettazione, su come realizzare la struttura considerandone preventivamente i rischi di degrado, che oltretutto sono strettamente legati al contesto di impiego e ai processi idraulici che vi si svolgeranno.

A tal proposito, al fine di estendere la vita utile e la durabilità delle strutture in calcestruzzo, è necessario sempre ricorrere ad un’attenta manutenzione di quest’ultime che può essere di due tipi: preventiva e conservativa.

Oltre al deterioramento indotto da errori progettuali e realizzativi, non bisogna però sottovalutare l’imponente impatto di agenti chimico-fisici di cui l’acqua ne è il principale veicolo. Infatti, elevate concentrazioni di sostanze aggressive nell’acqua (cloruri, solfati e CO2) penetrano nel calcestruzzo attraverso i pori e le microfratture innescandone così forti fenomeni di degrado nel giro di pochi anni, compromettendo l’uso degli impianti e causando interruzioni del servizio.

Per contrastare i fenomeni di corrosione chimica nei calcestruzzi progettati, si possono eseguire analisi di laboratorio per verificarne la durabilità, quali:
  • Resistenza alla penetrazione dei cloruri e dei solfati
  • La resistenza alla penetrazione dell’anidride carbonica
  • Resistenza al gelo e ai sali disgelanti
  • Impermeabilità all’acqua sotto pressione

 
Tali analisi di laboratorio normalmente mettono in luce come le soluzioni protettive che agiscono in profondità, quali i prodotti cristallizzanti, garantiscano una maggior durabilità degli impianti e quindi una valida risoluzione al ricorrente problema del degrado del calcestruzzo.

Ai fini di una manutenzione conservativa, i prodotti cristallizzanti applicati nelle fasi di ripristino strutturale permettono di prolungare la vita utile degli impianti e posporre gli interventi di manutenzione, mentre il sistema Crack-Repair di Supershield consente di riparare in modo definitivo crepe e fessure – anche con forti perdite – dall’esterno delle vasche, evitando così l’interruzione del servizio. Questo sistema combina l’utilizzo delle resine idroreattive con prodotti cristallizzanti per bloccare le fuoriuscite d’acqua, assicurando in questo modo una riparazione efficace e durevole.

Il sistema Crack-Repair consiste nell’iniezione di resine idroreattive per arrestare le fuoruscite d’acqua più forti e poter lavorare successivamente con le malte cristallizzanti. L’intervento successivo è quello di formare una scanalatura di 3 cm di larghezza per 5 cm di profondità lungo tutta la crepa e poi di richiuderla parzialmente con una malta cristallizzante a presa rapida (Supershield Crystalpatch) e poi riempire la scanalatura e livellare con una malta cristallizzante strutturale fibro rinforzata (Supershield Crystalmix ultra). Sulla crepa così trattata ed intorno ad essa per 50 cm per lato si termina con l’applicazione di boiacca cristallizzante a penetrazione repellente (Supershield Multiguard) per risanare anche il calcestruzzo intorno alla crepa. Il sistema può essere utilizzato anche nelle vasche di contenimento di acqua potabile in quanto tutti i prodotti utilizzati sono certificati per l’uso a contatto con l’acqua potabile.

 

In questo webinar parleremo di:
  • Le principali cause di degrado degli impianti in calcestruzzo per la potabilizzazione e la depurazione di acque reflue
  • L’importanza della manutenzione preventiva e conservativa
  • Il problema degli agenti chimico-fisici presenti nell’acqua: cause di deterioramento degli impianti
  • La progettazione di calcestruzzi durevoli e la verifica preventiva delle loro idoneità
  • Le prove in situ e in laboratorio per verificare lo stato di degrado del calcestruzzo degli impianti
  • I prodotti cristallizzanti per il ripristino strutturale e la protezione delle strutture in calcestruzzo
  • Il sistema Crack-Repair: riparazione vasche dall’esterno con cristallizzanti e resine idroreattive
  • Casi applicativi

 

Partecipa al webinar ‘Manutenzione e ripristino opere idrauliche in calcestruzzo: criticità, cause di degrado e sistemi di riparazione’
Clicca qui per riservare il tuo posto
 
QUANDO: Giovedì 10 giugno, ore 11:00- 12:00

 

Ne parleremo con Guido Cometto, Amministratore di Supershield Italia dal 2012, laureato in Farmacia all’Università di Torino, MBA in Bradford (UK). Ha svolto in passato la sua attività come Amministratore Delegato di società nel settore finanziario, del real estate e delle costruzioni in Italia e all’estero.

E con Lorenzo Ferrandini, Ingegnere per l’Ambiente e il Territorio – Libero professionista, laureato nel 2000 presso l’Università degli Studi di Pavia in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, ha poi successivamente frequentato presso il Politecnico di Milano il corso post-laurea in “Management, economia e diritto delle reti”. Vanta un’esperienza ventennale nel campo dei servizi pubblici con particolare focus su progettazione e conduzione di impianti e reti del SII.


Leggi anche

L’assemblea dei soci ha nominato Vanni Vignoli come nuovo Presidente di Europump, l’Associazione dei fabbricanti europei di pompe con sede a Bruxelles. Il settore delle pompe ha un ruolo sempre più importante in tutte le applicazioni che utilizzano sistemi di pompaggio e di sollevamento. Europump lavora supportando la Commissione Europea nello sviluppo di Direttive per l’efficientamento energetico e la riduzione degli sprechi, in particolare sul risparmio di acqua all’interno delle reti idriche, per costituire e rendere attivi i regolamenti ai quali il settore si deve adeguare…

Leggi tutto…