Wedge Power inaugura il teleriscaldamento di Cuneo


È stata inaugurata la centrale di cogenerazione che alimenta la rete di teleriscaldamento di Cuneo. L’opera è parte fondamentale del grande progetto di Wedge Power, che gestisce anche il servizio, società composta da High Power, specializzata nella realizzazione e gestione di impianti di generazione e reti di teleriscaldamento, che già ne gestisce tre in Piemonte, e Agc Flat Glass Italia, specializzata invece nella produzione di vetro piano.
Un progetto, del valore di 40 milioni di euro, che ha preso il via due anni fa con l’obiettivo di teleriscaldare tutta l’area della zona dell’Altopiano della città piemontese.
Ad alimentare il sistema, appunto, la centrale di cogenerazione realizzata presso il sito di Agc, composta da 7 motori endotermici a gas metano, abbinati a pompe di calore, che garantisce una produzione annua di energia termica di circa 150 GWh e una produzione di energia elettrica pari ai consumi di 20.000 famiglie in un anno, questa consumata per la quasi totalità dallo stesso stabilimento.
L’energia termica viene distribuita alle utenze attraverso 27 chilometri di rete di doppie condotte preisolate, la cui estensione sarà portata a 45 chilometri entro il prossimo anno. Dal primo ottobre l’azienda ha anche avviato la realizzazione degli allacci alle utenze, con 77 edifici già collegati, ma con richieste che aumentano a un ritmo di 4-5 al giorno.


Leggi anche

L’intesa riguarda il sistema di Settimo Torinese: il big dei cosmetici cederà l’acqua recuperata, depurata e purificata del suo sito di produzione a Engie che la utilizzerà come acqua di reintegro della propria rete. Un esempio di economia circolare che permetterà soddisfare, evitando lo spreco di nuova risorsa idrica, ben il 20% del fabbisogno di acqua della rete della lunghezza di 47 km …

Leggi tutto…

Azzerare del tutto le emissioni di CO2 dei sistemi di teleriscaldamento entro il prossimo decennio. È il grande obiettivo che si è dato Fortum, società energetica finlandese, per la città di Espoo. Un lungo cammino che comincia con l’eliminazione degli attuali generatori fossili che alimentano la rete cittadina, grazie alla costruzione di una centrale a biomasse da 49 MW, che sarà completata per il 2020…

Leggi tutto…

Sarà la geotermia ad alimentare nel prossimo futuro la rete di distribuzione del calore di Aarhus, seconda città della Danimarca. È l’obiettivo dell’intesa tra l’amministrazione cittadina e AP Moller Holding, società quest’ultima che avvierà una campagna di esplorazioni per verificare la fattibilità del progetto. Secondo il programma, le prime trivellazioni saranno effettuate tra il 2019 e il 2020, mentre i primi impianti geotermici saranno costruiti a partire dal 2021…

Leggi tutto…

La società, specializzata nella produzione di energia da fonti rinnovabili, ha siglato un accordo con il Comune di Alcalá de Henares per la costruzione di un sistema di teleriscaldamento, interamente alimentato da energia green: solare e biomasse. Il sistema, che sarà completato per la fine del prossimo anno, fornirà calore a 12.000 famiglie e sarà realizzato con un investimento di 38 milioni di euro…

Leggi tutto…

Realizzato con il Politecnico di Milano, il report ha analizzato l’impatto a 360° di questi impianti sui territori. I risultati dicono che si tratta di una soluzione vincente sia sul piano ambientale, abbattendo le emissioni di CO2 e di polveri sottili, sia sul piano economico ed occupazionale: 1 euro fatturato dagli impianti genera un impatto sul sistema economico di 2,65 euro e per ogni lavoratore impiegato dal teleriscaldamento nascono 15,5 posti lungo tutta la filiera…

Leggi tutto…