Workshop tecnico: soluzioni basate sulla natura (NBS) per l’adattamento al cambiamento climatico

Il workshop è gratuito e si svolgerà online sulla piattaforma Gotomeeting, mercoledì 16 dicembre dalle 9 alle 11.30
 

Di cosa parleremo?

Sarà un’occasione di incontro e confronto fra gli operatori del Servizio Idrico Integrato. Ci si confronterà sulla gestione delle acque meteoriche nelle nostre città, in previsione della maggior frequenza di eventi estremi attesi in seguito al cambiamento climatico.

In particolare presenteremo approcci e soluzioni innovative per adeguare i sistemi di drenaggio urbano in relazione al regolamento Regionale (Lombardia) 23 novembre 2017 n.7, recante criteri e metodi per il rispetto del principio dell’invarianza idraulica e idrologica.
 
 
Il programma vedrà interventi di esperti di Gruppo CAP, Città metropolitana di Milano e Ambiente Italia, e la possibilità per i partecipanti di fare domande e interagire con i relatori.

Il seminario si svolge nell’ambito di Life Metro Adapt, un progetto finanziato con fondi EU LIFE+, coordinato da Città Metropolitana di Milano, con il supporto di Ambiente Italia e di un partenariato composto da Gruppo CAP, Legambiente Lombardia Onlus, Association des Agencies de la Democratie Locale, E-Geos S.P.A.
 

L’obiettivo del progetto Life Metro Adapt?

Il progetto ha l’obiettivo di incentivare l’adozione di strategie di resilienza e capacità di adattamento ai cambiamenti climatici nell’elaborazione del Piano Territoriale della Città metropolitana di Milano. Ma non solo, al tempo stesso anche fornire strumenti operativi in grado di agevolare la realizzazione di interventi incentrati sulle cosiddette “Nature Based Solutions”.

Nei primi mesi del 2021 sono previsti altri 2 workshop rivolti alle pubbliche amministrazioni e ai progettisti sullo stesso tema:

  • Soluzioni NBS per l’adattamento al cambiamento climatico, uno ancora sulla gestione delle acque
  • uno sulle soluzioni per il raffrescamento estivo

Leggi anche

Il rinnovo e l’ammodernamento del potabilizzatore Jato, realizzato negli anni Settanta, si è reso necessario a causa del decadimento della qualità dell’acqua prelevata dall’invaso Poma. L’impianto tratta l’acqua che soddisfa la domanda idrica della parte Nord di Palermo e di sei comuni limitrofi. Per il suo rinnovamento il gestore ha previsto un investimento di 21 milioni di euro, mentre è di un milione la spesa per la progettazione….

Leggi tutto…

È quanto prevede il nuovo piano industriale 2021-2030 Life is our Duty, focalizzato sull’economia circolare e sulla transizione energetica, con investimenti, rispettivamente, per 6 e 10 miliardi di euro, per contribuire al conseguimento degli obiettivi di sostenibilità dell’ONU e al rilancio economico del Paese. Tra i target, ridurre del 20% delle perdite idriche, portare la capacità installata di rinnovabili a 5,7 GW, e recuperare ulteriori 4,4 milioni di tonnellate di rifiuti …

Leggi tutto…

La società è tra le 16 realtà selezionate dal Centro Satellitare dell’Unione Europea per il progetto che punta sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per creare una piattaforma che aiuti il monitoraggio delle attività umane e ambientali avvalendosi dei dati satellitari forniti dal programma di osservazione COPERNICUS. Smat vi partecipa con il monitoraggio dei bacini di lagunaggio di La Loggia…

Leggi tutto…

I lavori costituiscono la prima parte delle opere, da 7,5 milioni di euro, programmate sul più grande potabilizzatore del Nord della Sardegna, che fornisce acqua potabile alle reti di Sassari, Porto Torres e Stintino. L’intervento avviato, da 2,9 milioni, permetterà di ampliare l’unità di filtrazione, effettuare la manutenzione straordinaria delle vasche di chiariflocculazione e potenziare le unità di equalizzazione e di disidratazione meccanica dei fanghi…

Leggi tutto…

Il nuovo documento, che delinea le strategie di crescita della multiutility per il periodo 2021-2024, mette al centro sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Per quanto riguarda la ripartizione delle risorse, al ciclo idrico sono destinati 46 milioni, mentre al settore ambientale ne andranno complessivamente 37. Notevoli gli investimenti anche nel comparto energia, con 30 milioni destinati alla distribuzione gas e ben 50 al comparto elettrico…

Leggi tutto…